zenzero benefici

Lo zenzero è un ingredienti importante da aggiungere alla dieta, poiché è in grado di portare una serie di benefici alle persone. Questa pianta utilizzata è sempre più utilizzata nell’industria alimentare e profumiera.

Lo zenzero – come integratore o ingrediente in ricette più o meno complesse – è da sempre un alimento sempre più raccomandato. Oltre agli effetti prettamente legati al gusto, fornisce una serie di caratteristiche legate alle sue proprietà anti-infiammatorie e analgesiche. La versatilità dello zenzero lo rende un alimento facile da consumare ed è sorprendente che tali radici-spezie non siano più utilizzate come ingrediente in alimenti e integratori alimentari.

Zenzero: proprietà e benefici

Come abbiamo detto in precedenza, lo zenzero può portare una serie di benefici alle persone che lo utilizzano. Qui di seguito sono presenti 5 benefici che lo zenzero porta alla salute delle persone. Non sono gli unici, ma sono quelli che si possono dire i più “interessanti” per i problemi di tutto il giorno. La sua assunzione – pura o inserito in altri alimenti/bevande – è sicura e senza controindicazioni per la maggior parte delle persone. In ogni caso, è sempre bene chiedere al proprio medico di base se l’utilizzo dello zenzero può avere delle problematiche in base al proprio stato di salute.

1. Nausea

Lo zenzero è una delle piante più utilizzate in erboristeria per la cura della nausea. Inserito in molti prodotti – dai rimedi a base di erbe medicinali ai prodotti per l’omeopatia – aiuta a ridurre e quindi alleviare la nausea. Che si tratti di un tè al limone e allo zenzero o di un integratore in polvere, gli studi hanno riscontrato che lo zenzero è efficace nella riduzione della nausea. È scelto in particolare dalle donne in gravidanza, che lo ritengono ideale al posto di medicine più classiche ma di natura chimica.

2. Anti-infiammatorio

Lo zenzero – essendo un lontano cugino della curcuma – ha un profondo e persistente effetto sui processi infiammatori del corpo. In special modo a quelli associati all’osteoartrosi. Le sue proprietà sembrano sopprimere i processi infiammatori durante e dopo il suo consumo. Può anche essere applicato come trattamento liquido per il dolore, in particolare se si tratta di dolore articolare. I suoi effetti non sono paragonabili agli antidolorifici pesanti, ma permettono di alleviare il dolore in maniera naturale.

3. Dolori e crampi collegati al ciclo mestruale

Uno dei benefici più riconosciuti allo zenzero sulla salute delle persone, è quello legato al sollievo offerto a dolori e crampi legati al ciclo mestruale delle donne. I dolori in questo particolare periodo del mese sono spesso trattati con l’ibuprofene, ma per chi vuole scegliere una alternativa naturale lo zenzero è sicuramente tra le scelte migliori. L’uso massiccio di questi composti possono portare a degli effetti negativi con l’accumularsi del tempo e, con l’inizio regolare e ciclico del dolore mestruale si possono avere anche dei danni quasi cronici a tali tessuti. Scegliere di alleviare i dolori con un metodo naturale, è sicuramente una scelta migliore e più salutare per la propria salute.

4. Effetti antibatterici

Il gingerolo, un principio attivo presente nello zenzero, ha un profondo effetto anti-batterico. Il consumo di zenzero nella propria alimentazione può ridurre le probabilità di contrarre infezioni batteriche ed è può portare a incrementare la resistenza digestiva, la salute dei denti e l’insorgere di malattie. Per trarre questi benefici, è importante inserire nella propria dieta dello zenzero fresco a crudo. Durante il periodo estivo, inserito in primi piatti freddi, in zuppe o insalate è sicuramente un ingrediente in grado di esaltare il gusto della pietanza.

5. Memoria

Oltre ad essere un alimento che può aiutare a ridurre i rischi associati all’Alzheimer, questa pianta può migliorare attivamente la memoria in individui sani. Anche se i risultati non sono così evidenti negli uomini, le abilità cognitive e la capacità di ricordare sono migliorate nelle donne di mezza età che hanno inserito lo zenzero nella propria dieta.

Come incorporare lo zenzero nella propria alimentazione?

Per chi vuole inserire lo zenzero nella propria alimentazione, è bene acquistare delle radici con la pelle e che abbiano pochi tagli o ammaccature. I suoi utilizzi sono diversi, ma tra i più comuni si può tritare e aggiungere ai soffritti, ai frullati o come condimento per le insalata. Il suo sapore, saprà dare un tocco particolare anche alle ricette più tradizionali.

Lo zenzero si sposa particolarmente bene con salsa alla soia, all’aglio e al salmone. Può dare un tocco esotico alla spremuta di arance o agli estratti a base di ananas e carota. Come è facile comprendere, i suoi utilizzi in cucina sono pressappoco infiniti.

Per conservarlo nel migliore dei modi, è bene mettere lo zenzero inutilizzato in una busta di plastica o in un vasetto di vetro. Una radice fresca, può essere utilizzata nell’arco di quattro settimane. Non appena inizia a scolorirsi o a diventare di coloro bruno è il momento di buttarla.